Articoli e Storie

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
Prev Next
Il lodo Moro. Terrorismo e ragion di Stato 1969-1986

Il lodo Moro. Terrorismo e ragion di Stato 1969-1986

di Mario Avagliano Tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, il terrorismo arabo-palestinese, a partire dalle stragi alle Olimpiadi di Monaco del 1972 e all’aeroporto di Fiumicino del 1973, colpì l’Europa a più riprese con attentati, sequestri, dirottamenti di aerei e di navi. Alcuni paesi europei, tra cui l’Italia, per...

Fascismo, non è stato un gioco

Fascismo, non è stato un gioco

di Diego Gabutti Banalizzare (come si dice) il fascismo è stato sempre uno sport molto praticato in Italia. Mussolini «buonuomo», gli antifascisti «in villeggiatura» alle isole, i gerarchi in pantofole, la dittatura mite e generosa, la bonifica delle paludi, la Treccani, giusto un po' d'antisemitismo (ma indulgente, mica come a Berlino)...

Le barzellette su Mussolini raccontano il dissenso nascosto

Le barzellette su Mussolini raccontano il dissenso nascosto

di Mario Avagliano e Marco Palmieri   La campagna elettorale per le elezioni politiche che si è appena conclusa ha avuto un nuovo protagonista indiscusso: i meme. Il sarcasmo, infatti, al giorno d’oggi viaggia veloce e senza confini sui social network. E per questo i meme sono diventati una cosa seria, poiché...

Tommaso Avagliano, una vita dedicata ai libri, all’arte e alla sua Cava

Tommaso Avagliano, una vita dedicata ai libri, all’arte e alla sua Cava

Nato a Cava de' Tirreni l'8 settembre 1940, dopo il Liceo Classico "Marco Galdi", Tommaso Avagliano si laurea in Lettere Classiche presso l'Università di Napoli con una tesi in storia dell'arte sulla vita e l'opera del pittore e scrittore Luigi Bartolini. Conseguita l'abilitazione, è docente di materie letterarie nelle scuole statali...

"Stirpe e vergogna" di Michela Marzano

"Stirpe e vergogna" di Michela Marzano

di Mario Avagliano Gli italiani i conti con la propria storia recente, e in particolare con il fascismo, che abbagliò con la sua luce sinistra la maggior parte della popolazione, ancora non li hanno fatti. Nel nostro Paese non c’è stata un’assunzione di responsabilità di ciò che è accaduto dopo la...

Filippo Palieri, il commissario nell’inferno di Wietzendorf

Filippo Palieri, il commissario nell’inferno di Wietzendorf

di Mario Avagliano   Siamo abituati a pensare al campo di Wietzendorf come un Offizierslager per ufficiali. Vero. Vi passarono lunghi mesi di prigionia internati militari graduati del calibro di Giovannino Guareschi, Alessandro Natta e Gianrico Tedeschi, solo per fare qualche nome. Ma in realtà nell’Oflag 83 non vi furono soltanto militari...

News

Prev Next

"Una Resistenza senz'armi" vissuta dai prigionieri IMI. Intervista a Mario Avagliano del…

"Una Resistenza senz'armi" vissuta dai prigionieri IMI. Intervista a Mario Avagliano del quotidiano L'Adige

di Paolo Campostrini Orazio Leonardi lavorava nella sartoria del papà, in piazza Vittoria. Era salito a...

Il 7 dicembre presentazione a Roma di "Paisà, sciuscià e segnorine"

Il 7 dicembre presentazione a Roma di "Paisà, sciuscià e segnorine"

Martedì 7 dicembre, alle ore 17.00, presso la sede e sul canale Facebook della Biblioteca...

Recensioni

Prev Next

L'Italia senza camicia nera. Aldo Cazzullo: la prima ricostruzione completa del dissenso…

L'Italia senza camicia nera. Aldo Cazzullo: la prima ricostruzione completa del dissenso al regime

di Aldo Cazzullo «Mussolini visita un manicomio. I ricoverati messi in fila applaudono freneticamente. Uno solo...

Il dopoguerra anticipato del Sud: quando il popolo scrive la Storia

Il dopoguerra anticipato del Sud: quando il popolo scrive la Storia

di Pasquale Chessa Furono tante le guerre che si combatterono in Italia dopo la caduta del...

Biografia

Giornalista professionista e scrittore, nato a Cava de’ Tirreni il 15 luglio 1966, sposato, due figli (Alessandro e  Chiara), vive a Roma. Responsabile delle Relazioni Esterne e Comunicazione Media di Anas Spa, collabora con le pagine culturali de Il Messaggero e de Il Mattino e con i periodici Patria Indipendente e Pagine Ebraiche.
Ha lavorato lavorato nell'ufficio stampa di tre Governi, è stato portavoce del Ministero dei Lavori Pubblici e capo ufficio stampa del comitato referendario e di "Trenta ore per  la Vita". Ha scritto per le seguenti testate: Il MessaggeroIl Mattino, L'Informazione, il Giornale  Radio della Rai, il Giornale di Sicilia, i giornali locali dell'Agl-L'Espresso, E-Polis, il Mattino di Padova, la Voce di Mantova, il Corriere del Mezzogiornola Città di SalernoKataweb.
E' direttore responsabile dei periodici Cavanotizie.it,  Noceranotizie.it e Vietrinotizie.it. È direttore responsabile del sito Stradeanas.it e del web-magazine Le Strade dell'Informazione ed è stato vicedirettore di Anas Tv e di Radio Anas.
Autore di vari saggi storici per Einaudi, il Mulino, Baldini & Castoldi e Mursia, ha vinto vari premi, tra cui il 7° Premio Nazionale Anpi "Renato Benedetto Fabrizi" (2010) per il suo libro "Gli Internati Militari Italiani"; il Premio Fiuggi Storia (2012), il 5º Premio “Gen. Div. Amedeo De Cia” (2012) e il Premio Cultura “Santa Barbara” di Rieti (2014) per il suo libro “Il partigiano Montezemolo” (Baldini & Castoldi), il Premio Fiuggi Storia (2018) per il suo libro "1948. Gli italiani nell'anno della svolta" (Il Mulino), e il XVIII Premio Pianeta Azzurro di Fregene (2019) per la sua carriera di saggista e il libro "Dopoguerra" (Il Mulino).

Leggi tutto il curriculum