Quando eravamo fascisti

(Mario Avagliano – Marco Palmieri, Vincere e vinceremo!, Il Mulino, Bologna, 2014) 
 
di Andrea Rossi
 
Avagliano e Palmieri proseguono il lavoro di scavo nella storia dell’Italia fascista, e dopo aver illustrato nel loro precedente studio quanto fossero diffusi e radicati gli stereotipi razzisti nel nostro paese, gettano ora una luce sinistra sul “comune sentire” degli italiani durante il secondo conflitto mondiale, attraverso l’indagine della corrispondenza inviata da tutti i fronti di guerra dal 1940 al 1943. L’affresco che ne emerge è impietoso, fin dal titolo, quel “vincere e vinceremo” con cui decine di migliaia di italiani chiudevano le proprie missive dall’Africa come dalla Russia o dai Balcani; una locuzione che nessuno obbligava a inserire nella propria corrispondenza privata, e che rivela quanto gli italiani in larghissima parte fossero entusiasti dell’entrata in guerra del paese, mutuando spesso dalla propaganda fascista i temi e la retorica. 
 
Il mito del presunto e progressivo distacco dal regime mussoliniano fin dai primi rovesci sul fronte albanese e africano, è ampiamente smentito dall’accurata indagine degli autori: i nostri soldati combatterono, soffrirono e morirono non per un Italia qualsivoglia, ma per l’Italia fascista, come emerge da un numero impressionante di lettere; la fede nella vittoria restò inscalfibile almeno fino alla fine del 1942, così come l’adesione totale alle versioni di comodo della propaganda ufficiale: su tutto ci restano impressi gli scritti dei componenti del nostro corpo di spedizione in Unione sovietica, i quali, più che manifestare entusiasmo per sopravvissuti all’inverno russo, parevano realmente convinti di aver assestato durissimi colpi all’armata rossa, tanto da attendere nel giro di qualche mese il crollo del regime comunista. 
Se già in diversi studi dell’ultimo decennio si era ben compreso che la nostra occupazione nei Balcani era stata tutt’altro che “allegra”, impressionano le narrazioni delle operazioni contro i partigiani di Tito, da cui emerge un abbruttimento morale delle nostre truppe davvero sconcertante; così come lascia sgomenti l’insensibilità diffusa alla sofferenza delle popolazioni civili vittime della nostra brutalità. 
Se il 1943 è l’anno di svolta delle vicende belliche, i segnali di insofferenza diffusa iniziarono a comparire soltanto dopo la catastrofe nel teatro di guerra dell’Africa settentrionale e – soprattutto – dopo il rientro dei reduci dalla campagna di Russia; comunque, ancora dopo la caduta del regime, una consistente minoranza delle nostre forze armate restava convinta della necessità di proseguire a oltranza la guerra assieme ai nazisti, confermando come le motivazioni di molti dei futuri aderenti alla RSI fossero preesistenti all’armistizio dell’8 settembre. 
In conclusione, il lavoro di Avagliano e Palmieri si rivela fonte preziosa per arricchire il dibattito storico attorno alla guerra degli italiani, sfrondandolo da versioni oleografiche che, davvero, a settant’anni dalla fine del conflitto non hanno più ragione di esistere; fa riflettere semmai come il mito degli “italiani brava gente” è tuttora duro a morire. Evidentemente l’autoassoluzione collettiva è una delle scorciatoie per affrontare il passato. E anche il presente.
 
(Orientamenti Storici, 26 gennaio 2015)

Vincere e vinceremo, lo specchio dell'Italia fascista che fu

di Enrico Zuccaro

Con Vincere e Vinceremo, l’ormai collaudato binomio Avagliano-Palmieri prosegue nella sua opera di rigorosa revisione della nostra storia nazionale per troppo anni intrisa di tanta retorica e luoghi comuni.
Tra questi ultimi quello secondo cui  gli italiani non vollero  e sopportarono a malincuore la decisione del fascismo di entrare in guerra nel 1940 a fianco dell’allora Germania nazista.
In realtà le cose andarono diversamente, perché tanti italiani vollero la guerra, salvo poi pentirsene, come gli autori dimostrano non attraverso l’analisi dei documenti ufficiali, bensì tramite una lettura attenta, critica e ben contestualizzata di centinaia di lettere di combattenti, relazioni di polizia, carabinieri, spie e fiduciari dell’ occhiuto apparato repressivo del regime fascista.
La storia propostaci dagli autori è quindi una storia scritta più che mai dall’interno, una storia di  donne e uomini che combatterono e soffrirono tra il 1940 ed il 1943, UNA STORIA POTREMMO DIRE “EMOTIVA”, come  ci suggerisco gli autori nella loro introduzione,  ma che sin dalle prime pagine assume l’autorevolezza di un analitico saggio sull’opinione pubblica degli italiani di allora.
 
Va da sé che ciò che gli autori ci propongono è quanto risulta dall’esame di  posta accuratamente passata al vaglio della censura, come avveniva, per ovvi motivi di sicurezza, in tutti gli eserciti di allora.
Nondimeno il quadro che ne risulta spicca per originalità  di analisi e per veridicità.
In nove capitoli  per un totale di 313 pagine, gli autori ripercorrono i tre anni e tre mesi che intercorrono dal 10.06.1940 (entrata in guerra)  alle giornate del 25.07. ed  8.09.1943, che notoriamente segnano la caduta del fascismo e la firma dell’armistizio con gli Alleati.
Grazie alla lettura della corrispondenza inviata dai militari, gli autori scandagliano l’animo degli italiani che in 3 anni e tre mesi appunto passano dall’adesione entusiastica alla guerra, alla disillusione, al malcontento ed infine alla avversione ed all’ antifascismo.
E la posta- da sempre considerata forse in chiave troppo sentimentale solo come momento di malinconico sfogo e di struggente  nostalgia- diviene invece specchio di un intero paese, suggerendo al lettore numerose chiavi di lettura.
La prima, intorno a cui ruota un po’ tutto il libro, è quella dell’analisi dei molteplici aspetti del  consenso al regime,  e soprattutto al suo capo. Un consenso chiaramente indotto, diremmo fabbricato (come dalla nota monografia di Cannistraro; “La fabbrica del consenso”) da diciotto anni di propaganda martellante, attuata dal PNF, dal regime e dalle sue organizzazioni satelliti (dopolavoro ecc.) in una sorta di tentativo di controllo di ogni settore della vita degli italiani.
Un consenso in cui però non mancano note di sincera ammirazione, talvolta sconfinanti in un vero e proprio culto della personalità di Mussolini, DESTINATARIO DI MOLTE LETTERE DI SOLDATI e visto come il capo indiscusso e indiscutibile, che ha sempre ragione  che non sbaglia mai e che soprattutto, quando le cose vanno male su qualsiasi fronte, è ignaro di quanto sta accadendo perché incolpevole vittima degli inganni dei gerarchi e sottoposti.
Dall’esame delle lettere riprodotte nel testo scaturisce, ancora, con chiarezza cristallina, la periodizzazione del consenso al regime ed il suo progressivo deteriorarsi, il suo andamento ondivago perché connesso alle mutevoli sorti degli eventi bellici, sin dai primi mesi di guerra infauste per le armi italiane.
Gli umori che traspaiono da  quanto scrivono  i nostri soldati non sfuggono agli zelanti censori, né  ai Carabinieri, né alla polizia, né ai servizi segreti. Mai i loro rapporti, che pure giungono sino alle più alte sfere del regime fascista, pensiamo ai cosiddetti “Promemoria per il duce” nulla producono, all’ infuori della segnalazione  di questo o quel militare alle competenti autorità di polizia o al Tribunale speciale per la difesa dello Stato.
Una seconda chiave di lettura- strettamente connessa alla prima -   è quella relativa alle opinioni che i nostri militari hanno dei loro nemici, così come le troviamo espresse nelle  loro lettere.
Smentendo, qualora ce ne fosse  ancora bisogno, l’adusato cliché dell’italiano buono contrapposto al tedesco cattivo, l’immagine del nostro soldato che traspare dalle lettere riportate nel testo è quello di un soldato razzista con il nemico, che talvolta ammira il crudele alleato tedesco, che è  antisemita e consapevole di tanti stragi perpetrate dai nazisti, anticomunista, o meglio antibolscevico e  feroce col nemico (lettera del lanciafiammista), specie  nella repressione anti partigiana.
(A dire il vero si era razzisti anche in altri eserciti; tra gli altri anche in quello americano, specie sul fronte del Pacifico, nei confronti dei giapponesi).
A questi due ultimi riguardi (anti bolscevismo e repressione anti partigiana) va riconosciuto al libro un elevato valore storico-documentale, specie  nei capitoli dedicati alla guerra in Russia ed ai crimini di guerra, non a caso forse tra i più estesi dello intero volume.  Sono pagine che ci hanno riportato alla memoria gli scritti  dolentissimi di “Italiani senza onore”  di Costantino Di Sante; di “Qui si ammazza troppo poco” di Gianni Oliva, e del più recente “L’Occupazione italiana dei Balcani”, di Davide Conti. Pagine dalle quali l’onore delle Armi italiane esce indelebilmente macchiato ma che aiutano a fare senza reticenza alcuna  i cosiddetti conti con il passato, cosa che noi italiani non abbiamo ancora fatto completamente.
 
Una terza chiave di lettura è quella relativa alle manipolazione delle coscienze che emerge chiaramente in tante lettere, talvolta con toni anche grotteschi ma che testimoniano del  lavaggio cerebrale subito da taluni nostri soldati.
E così capita di leggere di militi che credono alle bombe avvelenate lanciate dal nemico o che dopo la loro eventuale morte chiedono, dopo la cremazione, di caricare un proiettile con le loro ceneri e di utilizzarlo contro il nemico.
In quest’ottica vanno analizzate, in particolare, le lettere che arrivano dal fronte russo, dove tanti soldati credono di combattere una guerra santa, contro un nemico senza Dio e perciò barbaro e sacrilego (un po’ come il  “Dio lo vuole” delle crociate ed il Got mit uns tedesco).
 
Una ultima chiave è quella di carattere più spiccatamente sociologico.
L’ampio campione di scritti riportati dagli autori, conferma, purtroppo,  che il livello di istruzione media del fante italiano era la seconda elementare.
Da qui errori e strafalcioni di ortografia che caratterizzano tutte o quasi le lettere dei nostri soldati.
Soldati che continuano ad  indirizzare tante loro missive  ai parroci dei loro comuni di residenza, così come facevano venti anni prima, durante il primo conflitto mondiale i loro genitori, perché a casa nessun altro sapeva leggere.
E ciò suona a conferma del non innalzamento dei livelli di alfabetizzazione degli italiani, specie nelle zone rurali e nonostante i 20 anni di un regime, nelle parole molto vicino al suo popolo, nei fatti poco attento all’istruzione del medesimo.
A proposito delle lettere indirizzate ai parroci, c’è un ulteriore aspetto che merita di essere sottolineato: l’organicità di parte del clero al regime fascista, organicità tradotta spesso in incoraggiamenti rivolta ai soldati, specie a quelli attivi sul fronte russo.
La  lettura sociologica della posta dei nostri soldati si rivela particolarmente interessante, laddove si esamina il circuito di comunicazione Fronte di combattimento- Fronte interno. E qui paradossalmente si scopre che  in tantissimi  casi, non è dalle mura domestiche che giunge conforto ai nostri soldati, ma che sono piuttosto questi ultimi, talvolta con incrollabile fede nella vittoria finale, a dare sostegno a chi è rimasto a casa.
E ciò la dice lunga sulla qualità del consenso  al regime; una qualità che impallidisce, di fronte alla tenuta del fronte interno della Germania hitleriana, mantenutosi  granitico sino quasi alle ultime settimane di guerra.
 
Altro interessante spunto di riflessione, ancora  in chiave sociologica, è quello che si trae dai giudizi sugli americani e conseguentemente sul loro esercito, espressi nelle parole dei nostri soldati.
Benché timorosi della eventualità di scontrarsi con parenti od amici emigrati oltre oceano, i nostri militari  vedono nei loro coetanei statunitensi degli “sciampagnoni” ), infiacchiti dalla vita comoda (si vedano in proposito tanti brani del Diario  di Ciano), un po’ come gli omologhi inglesi, definiti con disprezzo  “popolo dei 5 pasti”. Si tratta , ovviamente di giudizi intrisi di sconsiderata superficialità.
Dolenti, ancora sul versante sociologico, i tanti accenni al malcostume della corruzione, presenti in tante missive di militari che lamentano la violazione a scopo di furto dei pacchi loro inviati.…  
 
Gli  ultimi  3 capitoli del libro sono i capitoli della disillusione, della sconfitta e della presa di coscienza del tradimento ordito dal fascismo contro l’Italia.
I terremoti indotti dalle sconfitte in terra d’Africa e tanto più in Russia, avevano già svelato a tutti l’inadeguatezza del nostro apparato militare dietro il quale, lo sappiamo tutti, c’è sempre un apparato politico. Tali inadeguatezze risaltano ancor più quando gli Alleati sbarcano i  Sicilia provocando in pochi giorni la caduta del regime.
Nonostante tutto, anche  dopo il 25 luglio ed il conseguente sbando, dalle lettere dei nostri militari traspare un sincero e commovente  amor di Patria, una fiducia ingenua, fino ad apparire quasi inquietante nella ripresa del nostro esercito sotto la guida del maresciallo Badoglio, successore di Mussolini dopo esserne stato complice.
Eppure  tale amor di Patria  non manca di suscitare  ammirazione e rispetto.
Giunti all’ ultima pagina del libro, chi vi parla ha più volte ripercorso le tante note a matita vergate e i tanti interrogativi suscitati da Avagliano e Palmieri, convincendosi che “Vincere  e vinceremo” è un libro che non può mancare nella biblioteca degli appassionati di storia. Un libro cui auguro tutta la fortuna che merita. 
 

(Relazione letta in occasione della  presentazione del volume svoltasi a Ceccano il 31 gennaio 2015)

Vincere e vinceremo! - La recensione del Sole 24 Ore Domenica

LA BIBLIOTECA 

 

di Giorgio Dell'Arti 

 

Soldati di stanza in Africa 

 

Assalto. «Caro Mario, con ogni probabilità domani mattina all'alba si va all'assalto; se la va bene sarà una magnifica esperienza di vita, se la va male farò la morte più bella che un italiano di vent'anni oggi possa fare» (lettera al fratello del lombardo Cesare Tosi, caduto a vent'anni in Albania, il 20 gennaio 1941).

Lettere. Durante il primo anno di guerra, 9.285.000 lettere. 

Censura. Gli uomini impiegati a controllare la corrispondenza esaminavano mediamente 150-200 lettere al giorno. 

Tipologie. Le lettere potevano essere bollate come "ammesse in corso", "ammesse in corso dopo censura parziale", da "sequestrare", da "incriminare". 

Cretino. Scrive il capitano Luigi Guerrieri Gonzaga dell'artiglieria a cavallo il 21 febbraio 1942: «Mi secca molto che un cretino di censore abbia sporcacciato tutta una mia lettera per te; deve essere un gran fesso quel tale e gli farebbe bene un po' di Russia vorrei ritrovarlo quando rientreremo in Patria. lo sono sicuro di quanto scrivo; non metto mai nulla che possa anche lontanamente servire di indicazione o comunque essere "pericoloso"».

Familiari. I soldati, soliti rassicurare i propri familiari attraverso formule ricorrenti: «Sto bene», oppure «Non pensate a me» spesso accompagnate da invocazioni di tipo religioso. 

Mussolini. Dal 1941, «Mussolini non lo sa» o «se la sapesse Mussolini».

Negroidi. I «maledetti» inglesi, gli americani «negroidi» e «dediti al vizio», i russi «senza Dio», gli arabi «sporchi e rozzi». 

Inglesi. Gli inglesi, «i maledetti figli di Albione», «vigliacchi e farabutti», «soldati dai cinque pasti e dalla pancia troppo piena», «audaci fresconi che l'illusione ha voluto per un po' vittoriosi».

Tedeschi. Da una relazione del Comando generale dei Carabinieri del maggio 1941: «Negli ambienti militari la soddisfazione per i nostri successi viene sensibilmente temperata dalla considerazione che molto si deve all'apporto dato dalla potente azione delle forze tedesche».

Rapporto. Dalla lettera alla famiglia di un militare temano di stanza in Africa, datata 24 febbraio 1942, che di fronte alla richiesta di redigere un rapporto sul morale delle truppe, dopo aver lamentato che il partito chiede il pagamento della tessera anche ai militari richiamati e inviati al fronte, così si sfoga: «Vengano un po' a domandare ai nostri soldati ed avranno una risposta più che esauriente. È naturale che il rapporto non potrà che dire le solite cose; ma vengano pure tra i soldati e sentiranno. Posta che non arriva, pacchi che sono in giro da mesi e di cui non si ha notizia; se qualcuno ne arriva è ridotto al solo involucro; giornali che vengono distribuiti una volta al mese; un pasto al giorno, cotto al mattino alle io e mangiato alle 2 del pomeriggio. Tutto questo potrebbero rispondere i nostri soldati se venissero interrogati; ma siccome non lo saranno mai, tutto questo rimane sconosciuto e si parlerà soltanto dello spirito di sacrificio e del morale altissimo del soldato italiano». 

Guerra. «Inutile andare in giro raccontando che la guerra fu voluta dal solo Mussolini e non dall'Italia. Certo il popolo italiano non volle la guerra, se si intende tutto il popolo. Ma i generali, gli ammiragli, i grossi industriali, gli alti burocrati, i senatori, i deputati, i professori d'università, i vescovi, gli arcivescovi, i cardinali, tutto quel lerciume accettò la guerra, e parecchi altri la vollero finché credettero che l'avrebbero vinta dato lo sfacelo militare che era già avvenuto in Francia e che si prevedeva imminente in Inghilterra [...] Bisogna, dunque, smetterla con questa balla che l'Italia non è responsabile» (Gaetano Salvemini, Lettera a E. Rossi e L. Valiani, io agosto 1946). 

 

Notizie tratte da: Mario Avagliano e Marco Palmieri, Vincere e vinceremo! Gli italiani al fronte 1940-1943, Il Mulino, Bologna, pagg. 376, euro  25,00.

 

(Il Sole 24 Ore, Domenica, 29 marzo 2015)

Come e perché Mussolini e le sue guerre ebbero tanta popolarità

Introduzione alla presentazione del libro “Vincere e Vinceremo” 

 

di Massimo Taborri

Circolo Culturale Montesacro, 11 aprile 2015

 

 - Prima di entrare nel merito della pagine del bel libro “Vincere e Vinceremo”, Gli italiani al fronte tra il ’40 e il ’43, ho pensato di aprire insolitamente questa mia introduzione con una breve notazione di carattere familiare che non mi pare stonata nel contesto delle cose di cui parleremo, perché se avessi saputo che Mario Avagliano e Marco Palmieri stavano lavorando ad un’opera così vasta e approfondita – come quella che presentiamo oggi – avrei volentieri messo a loro disposizione un piccolo archivio di famiglia, formato da 24 lettere scritte da un mio parente, uno zio che portava il mio stesso cognome Taborri, che ha concluso la sua esistenza in Russia durante la tragica ritirata dei primi mesi del ’43.

 

 - Un ragazzo di 20 anni, Otello, chiamato subito a combattere sulle Alpi Occidentali, sul confine francese, poi in Grecia e quindi in Russia con la Divisione Tridentina

 

 - Tra queste lettere ce n’è una spedita dal Moncenisio che porta la data del 20 giugno ’40. Sono dunque i giorni della guerra con la Francia, quelli della famosa pugnalata alla schiena (visto che – come è noto - l’esercito tedesco aveva già piegato l’Armata francese entrando il 14 giugno a Parigi), durante i quali l’esercito italiano arrivò a Mentone e in poche altre località delle prime valli francesi, appena al di là delle Alpi.

 

 - La guerra dichiarata da Mussolini il 10 giugno del ’40 che, sul fronte francese, impegnò i reparti italiani solo per 4 o 5 giorni, visto che le operazioni militari praticamente presero avvio intorno al 20 giugno e appena cinque giorni dopo fu firmato dalla Francia, a Parigi, l’armistizio con le potenze dell’Asse.- “Cara mamma, non allarmarti se siamo vicini alla Francia - scrivevo mio zio a 2.500 metri di quota – noi restiamo sempre indietro (Otello era un radiotelegrafista addetto al Comando di Divisione che, in effetti, restava un po’ indietro dalle prime linee, ma può anche darsi che scrivesse questo per non impensierire a casa, n.d.r.) e poi ormai si può dire che la Francia è finita, infatti da più notti non si sente nemmanco un colpo d’Artiglieria.” E aggiungeva: “ avrei però da chiederti un favore, dovresti mandarmi un paio di calze pesanti, possibilmente nere o grigie verdi, che qui ai piedi si sente molto freddo, addosso no perché ho il maglione militare ma ai piedi non ho che calze fine, se puoi mandarmele al più presto possibile mi farai un gran piacere”.

 

- Sul Moncenisio, anche nel mese di giugno, la temperatura soprattutto di notte scende vari gradi sotto lo zero. Dunque indossare un paio di calze di lana sarebbe stata una gran fortuna, ma quelle calze dovevano essere rigorosamente nere o grigio verdi perché, in caso contrario, non avrebbe potuto utilizzarle.

 

- La guerra con la Francia, come dicevo, durò pochi giorni eppure costò tra soldati e ufficiali oltre 600 morti, oltre 600 dispersi e più di 2.600 tra feriti e congelati: naturalmente congelati… ai piedi. Il dato è conosciuto da storici e studiosi ed è richiamato nel libro di M. A. e M. P., ma non è forse poi così noto al grande pubblico.

 

- Per entrare ora nel merito del libro mi pare che il suo significato sia ben raccolto e spiegato nell’epigrafe che è stata scelta dagli autori a presentazione dell’opera. Si tratta di una lettera di Gaetano Salvemini dell’agosto ’46 scritta dagli USA e indirizzata a Ernesto Rossi e Leo Valiani.

 

- Salvemini fu un socialista un po’ atipico, un antifascista costretto all’esilio in Francia, un accademico che negli anni ’30 se ne andò poi negli Usa, per insegnare ad Harward. Per tornare in Italia solo nel lontano ’49:  

- “Inutile andare in giro raccontando che la guerra fu voluta dal solo Mussolini e non dall’Italia. Certo il popolo italiano non volle la guerra se si intende tutto il popolo. Ma i generali, gli ammiragli, i grossi industriali, glia alti burocrati, i senatori, i deputati, i professori d’università, i vescovi, gli arcivescovi, i cardinali, tutto quel lerciume accettò la guerra, e parecchi altri la vollero finché cedettero che l’avrebbero vinta dato lo sfacelo militare che era già avvenuto in Francia e che si prevedeva imminente in Inghilterra (…). Anche se si parla delle classi medie e inferiori del popolo italiano, non bisogna dimenticare che una larga parte seguì Mussolini, e che fra esse Mussolini godé di una larga popolarità dopo la vittoria nella guerra in Etiopia ed al tempo dello squartamento cecoslovacco. E se le cose gli fossero andate bene nella guerra mondiale, Mussolini sarebbe per molta gente un grand’uomo. Questa è la verità (...). Bisogna, dunque, smetterla con questa balla che l’Italia non è responsabile”.

 

- E forse non è un caso che parole tanto esplicite siano state scritte da un uomo lontano dalle polemiche politiche che infiammarono gli anni del dopoguerra.

 

 - L’obiettivo del libro è dunque questo: capire come e perché Mussolini e le sue guerre ebbero tanta popolarità e di quali elementi ideologici, emotivi e psicologici, questo consenso si alimentava. Un obbiettivo importante visto che nella pubblicistica e nella letteratura del dopoguerra vi è stata – come si spiega nell’introduzione – una sostanziale rimozione delle responsabilità nazionali rispetto alle guerre italiane, quasi sempre definite guerre fasciste, con un evidente intento di autoassoluzione da parte di tutti coloro, la grande maggioranza, che avevano accolta la guerra con esultanza e convinzione, senza essere necessariamente ed entusiasticamente fascisti.

 

 - D’altra parte, come era in parte inevitabile, gli eventi successivi all’armistizio dell’8 settembre del ’43 e il riscatto rappresentato dall’epopea partigiana che da quella data cominciò a svilupparsi, hanno messo in ombra il grado di consenso popolare, lo slancio e l’entusiasmo con cui gli italiani, avevano, prima dell’8 settembre, preso parte alla mobilitazione e alla guerra.

 

 - Il libro si incarica, quindi, di affrontare questa zona un po’ opaca della storia del popolo italiano, nel modo più efficace ed incontrovertibile: e cioè esaminando le migliaia di lettere da e per il fronte, i diari scritti da ufficiali e soldati, le relazioni indirizzate alle varie autorità, Duce compreso, dalle commissioni militari di censura che passavano al vaglio tali lettere, tutta quella che potremmo definire la letteratura coeva e proprio per questo più autentica e rappresentativa dei sentimenti diffusi.

 

 - Ne emerge un mosaico piuttosto persuasivo della dimensione ampia e radicata delle motivazioni con cui con cui gli italiani guardarono alla guerra, sia da parte del cosiddetto fronte interno (le famiglie a casa) sia da parte del fronte esterno (coloro che combattevano in prima linea), con poche o nessuna differenza tra i vari quadri d’operazione: i Balcani e la Grecia, l’Africa e poi la Russia. Un consenso che - diversamente dai proclami mussoliniani sull’efficacia delle nostre armi – assunse, di fronte alla prime serie difficoltà operative, un andamento sinusoidale, sulla base dei successi o degli insuccessi della guerra, ma che iniziò seriamente a vacillare solo nei primi mesi del ’43, dopo Stalingrado e l’arretramento italiano in Tunisia, seguito alla sconfitta italo-tedesca di El Alamein.

 

- Un consenso alla guerra che nonfu però solamente frutto della propaganda del regime ormai ventennale, o della smisurata e fideistica ammirazione attribuita al suo capo, e neppure semplicemente frutto delle promesse imperiali del fascismo, che - come si sa - rivendicava all’Italia il diritto della nazione giovane ed emergente ad una diversa distribuzione delle risorse nel quadro internazionale, oltreché il suo naturale primato all’egemonia nei Balcani e nel Mediterraneo.

 

 - Perché si trattò di un consenso ideologico derivato anche da motivi più atavici, legato per es. alla tradizione cattolica del Paese, che alimentava o perlomeno giustificava la guerra in Russia come crociata antibolscevica ed antislava. Non erano pochi alpini e fanti che scrivevano ad es. direttamente a parroci e curati delle località da cui provenivano, e da questi ricevevano risposte di incoraggiamento a continuare nella loro azione anche in nome di Dio. Per non parlare della questione della persecuzione e della deportazione razziale nelle zone occupate dall’esercito italiano su cui di certo si soffermeranno gli autori. O anche del capitolo riguardante la repressione contro partigiani e popolazione civile messa in opera dall’esercito italiano in Grecia o in Jugoslavia.

 

 - Così come non mancò, nelle motivazioni che spinsero ufficiali e soldati ad operare in Russia, come in Africa o in Grecia – in condizioni davvero proibitive – il semplice amor di patria, la volontà di fare fino in fondo il proprio dovere, di dimostrare la propria coerenza, soprattutto dopo che si erano veduti via via morire centinaia di commilitoni, spesso amici con cui sui erano condivisi così tanti sacrifici. Proprio come era accaduto ai propri padri nella prima guerra mondiale, al cui esempio molti si richiamavano.

 

 - Tutto questo consenso – come sentiremo – comincerà a declinare solo nei primi mesi del ’43 e soprattutto con l’occupazione anglo americana della Sicilia del luglio ’43. Il fattore fondamentale che – come si sa - determinò la caduta di Mussolini. Un evento, questo della caduta del Duce, che vide le piazze di tutta Italia riempirsi di una gran folla esultante ed eccitata, quando il peggio doveva ancora venire. Un entusiasmo straripante che aveva le sue legittime motivazioni, ma che non convinceva del tutto un uomo come Nuto Revelli, appena tornato dalla drammatica ritirata dalla Russia, che assiste, convalescente, dalle finestre della propria casa di Cuneo a queste manifestazioni di gioia e crede di vedere in tale generale esultanza, i segni della solita tendenza endemica al trasformismo, tipica del popolo italiano, di una inclinazione al conformismo e al gattopardismo, di una eccessiva facilità all’emozione piuttosto che alla riflessione. Caratteristiche senza considerare le quali – a mio giudizio – non si spiegherebbero neppure diversi passaggi, apparentemente incongruenti, che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese anche nei decenni successivi. E scrive Revelli annotando sul suo diario in quei giorni:

- “è caduto il fascismo, viva l’esercito, viva Badoglio, hanno gridato stanotte in Via Roma. Ho risposto con un urlo, come se mi avessero ferito: Che confusione! Odio con tutte le mie forze i tedeschi, disprezzo i fascisti, i gerarchi imboscati, corrotti, vigliacchi. Ma i morti, i nostri poveri morti di Russia, non mi danno pace. Morti per nulla, proprio come se la Patria non esistesse più. Si grida abbasso il fascismo, viva l’esercito. Ma quale esercito! Quello dei morti per nulla,quello dei vivi che non sanno più per che combbattere. Volevo scendere stanotte. Forse mi sarei fatto picchiare. E più avanti:”Vedo i cortei, sento i discorsi: voglio vedere e sentire tutto. Riconosco troppi fascisti di ieri. Più fascisti erano ieri più oggi sono antifascisti e si agitano, spaccano, urlano”.

 

 

 - Gli amici Mario Avagliano e Marco Palmieri lavorano insieme e con successo ormai da diversi anni. Giornalisti e storici entrambi hanno prodotto sempre col solito metodo del ricorso alla letteratura coeva, negli ultimi anni una serie di opere, a mio giudizio, preziose:

 - 1) Di pura razza italiana, un libro che rappresenta un documento sulle reazioni degli italiani di fronte alle leggi razziali. Una storia di indifferenza, complicità e opportunismo, accanto ad episodici casi di solidarietà. Un libro che sarà presto tradotto e pubblicato in Germania.

 - 2) Voci dal lager, un libro basato sulle lettere dei deportati politici dal lager (che abbiamo presentato con Marco Palmieri anche in questa sede).

 - 3) Gli internati militari italiani, la vicenda, prima scarsamente conosciuta, degli oltre 600 mila militari italiani chiusi nei lager nazisti, che si rifiutarono di collaborare col nazismo e la RSI.

 

La registrazione della presentazione

Sottoscrivi questo feed RSS